Valutazione, autovalutazione e miglioramento

L’attenzione alla qualità dei sistemi di formazione ed il riferimento continuo alle risorse umane sia interne che esterne alle organizzazioni sono sempre più presenti nei documenti dell’Unione Europea, sia a livello comunitario che dei singoli paesi; ne è testimone la “Strategia di Lisbona” documento che pone, come “superiore finalità educativa della scuola la promozione inter-attiva della dignità di tutti: docenti, alunni, personale non docente e tutti coloro che entrano in contatto con l’istituzione scolastica”.

Da Settembre 2014, con la DM n° 11 è stata disposta, per il triennio degli aass 2014/2015, 2015/2016- 2016/2017, la progressiva introduzione nelle istituzioni scolastiche dei procedimenti di valutazione secondo fasi ben definite dal DPR n° 80 del 28 marzo 2013. Al fine di supportare le scuole in tale procedimento è stato creato il “portale valutazione” in cui ogni scuola trova l’accesso alla piattaforma operativa unitaria per l’elaborazione del Rapporto di Autovalutazione. Tale piattaforma è stata predisposta dai Servizi Informativi del Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca, in modo da poter gestire e coordinare il flusso di informazioni e le elaborazioni dei dati provenienti dalle varie fonti.

La Piattaforma organizza in un unico strumento on-line gli indicatori del RAV popolati di dati per ogni singola scuola, secondo il quadro di riferimento teorico elaborato dall’Invalsi che prevede l’articolazione degli indicatori di autovalutazione nelle tre dimensioni: CONTESTO- ESITI – PROCESSI.

Il sistema consente ad ogni Istituzione scolastica, attraverso una lettura comparata dei propri dati con quelli riferiti a tutte le scuole del Paese, di sviluppare un processo di autovalutazione che, ponendo in relazione esiti di apprendimento, processi organizzativi e didattici e contesti socio-culturali, porta ad individuare i propri punti di forza e di debolezza e le priorità verso cui orientare le azioni di miglioramento. Tutto il lavoro intende essere innanzitutto uno stimolo alla riflessione, attraverso indicatori e dati affidabili, per poter meglio comprendere, rappresentare e migliorare la propria offerta formativa: il progetto di autovalutazione della nostra organizzazione si colloca in questo percorso.

 

Questa la tempistica:

Nello specifico:

  • E’ un progetto per la  ricerca della qualità nelle scuole che vuol coniugare problematiche tipiche della realtà lavorativa e produttiva con la complessità e l’umanità dei processi formativi.
  • E’ un progetto che, nelle esperienze precedenti, ha fatto  riferimento all’ EFQM (European Foundation for Quality Management), un Modello di riconoscimento della qualità adottato a livello europeo che ha portato l’ex V Circolo di Pistoia al raggiungimento della prima certificazione di qualità, nel mese di gennaio 2007.
  • E’ un progetto che ha fatto  riferimento al CAF (Common Assessment Framework, ovvero “griglia comune di autovalutazione”), un modello europeo, adattato alle scuole che ha portato l’ex V Circolo di Pistoia al raggiungimento della seconda certificazione di qualità ECU (European Caf User) Label nel mese di giugno 2011
  • E’ un progetto nato, quando ancora non era una prassi prescrittiva,  dalla collaborazione fra:
  • il settore dall’AICQ (Associazione Italiana Cultura della Qualità) tosco-ligure
  • il FORMEZ di Roma (Centro Servizi, assistenza, studi e formazione per l’ammodernamento della PPAA) per il Dipartimento della Funzione Pubblica della Presidenza del Consiglio dei Ministri
  • il CIPAT (Consorzio Istituti Professionali Associati Toscani)  che ha attuato e sta attuando corsi di formazione ed aggiornamento rivolti ai referenti per la qualità nelle PPAA.
  • E’ un progetto che si raccorda con le attività di monitoraggio dell’autonomia scolastica
  • E’ un progetto che ha l’obiettivo di promuovere nelle scuole la cultura della qualità attraverso:
    1. La promozione di una prassi di autovalutazione e di miglioramento della scuola (come da Regolamento sull’Autonomia: DPR 275/99), potenziando le aree di forza ed intervenendo su quelle di debolezza.
    2. La diffusione di una cultura della qualità tra gli operatori della scuola e tra tutte le componenti interessate alla scuola.
    3. La facilitazione e la costruzione di un sistema di gestione della qualità nella scuola.
    4. Lo sviluppo della logica del benchmarking (confronto fra le proprie prestazioni ed i propri processi con quelli di altre organizzazioni ritenute eccellenti).
    5. Il supporto delle scuole nel percorso verso i diversi livelli di qualità.

FINALITA’ DEL PROGETTO:

Il sistema di valutazione intende favorire il più possibile l’autonomia delle scuole e nello stesso tempo la responsabilità della rendicontazione pubblica. Tutto il sistema è finalizzato a dare strumenti per la conoscenza e per il miglioramento di ogni scuola, partendo dai propri punti di forza e di debolezza all’interno della specificità determinata dai diversi contesti di appartenenza.  Da qui decisiva è l’analisi svolta dalla scuola con la scelta autonoma delle priorità e dei traguardi di miglioramento che si intendono raggiungere nei prossimi anni.

Per dare maggiore evidenza e chiarezza alle analisi svolte ed alle scelte intraprese, i dati interni agli indicatori saranno pubblici, quindi aperti alla consultazione anche su Scuola in Chiaro, dopo la pubblicazione del RAV.

 

ATTORI

La gestione del processo di autovalutazione interna è affidata al Dirigente Scolastico, attraverso la costituzione di un’unità di autovalutazione. Essa, come già proposto nella circolare n° 47/2014 e fatta salva l’autonomia delle istituzioni scolastiche, è costituita preferibilmente dal Dirigente Scolastico, dal docente referente della valutazione e da uno o più docenti con adeguata professionalità individuati dal Collegio dei Docenti. Il Dirigente in qualità di rappresentante legale e di garante della gestione unitaria della scuola opera con il supporto del nucleo di autovalutazione in modo da:

  1. Favorire e sostenere il coinvolgimento diretto di tutta la comunità scolastica
  2. Valorizzare le risorse interne
  3. Incoraggiare la riflessione dell’intera comunità scolastica
  4. Alimentare costantemente il processo di autovalutazione

 

MODALITA’ OPERATIVE PER L’ANNO SCOLASTICO 2015/16

 

  • Confermare, all’interno del Nucleo di Valutazione, le figure di riferimento che hanno lavorato da anni sul tema dell’AV; tale nucleo comprende docenti rappresentanti i tre ordini di scuola ed un rappresentante del personale ATA. Si prevede la sostituzione di membri non più effettivi (per trasferimento ad altra sede o per motivi personali) con altri componenti.

 

Di seguito gli attuali membri del Nucleo interno di Valutazione.

Dirigente Scolastico dott. Maurizio Monti

Ins. Monica Gelli (scuola infanzia)

Ins. Tabata Muccelli scuola primaria)

Ins. Simona Brusoni scuola primaria)

Ins. Azzurra Di Como ( scuola primaria)

Ins. Ilaria Capecchi (scuola secondaria)

Ins. Elena Biondi (scuola secondaria)

Ins. Anna Linda Manzoni (referente e funzione strumentale per l’AV)

Sig. Lorenza Calcagno (Segreteria)

 

 

  • Sensibilizzare i nuovi membri dell’équipe di lavoro, per diffondere maggiormente la consapevolezza dell’importanza dell’autovalutazione,  pratica da attuare anche durante lo sviluppo dei processi chiave dell’organizzazione.
  • Attuare  strategie operative idonee  per azioni di informazione, rendicontazione, su quanto il gruppo di lavoro sta realizzando e verificare che l’informazione non si fermi allo staff o alla middle management, ma raggiunga possibilmente tutti i rappresentanti dell’organizzazione.
  • Proseguire l’azione di autoanalisi e di autovalutazione secondo le indicazioni e le linee guida fornite dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, lavorando su una piattaforma operativa unica per l’introduzione dei dati raccolti.
  • Diffondere i risultati di eventuali questionari d’indagine (customer satisfaction) fra il personale docente, quello ATA e gli stakeholder esterni (genitori o partnership) attraverso canali di comunicazione efficaci, quali gli organi collegiali, il sito internet della scuola, la bacheca posta all’ingresso dell’Istituzione Scolastica.
  • Informare il personale delle varie fasi di lavoro a cui si dedicano i membri del GAV e dei risultati che, di volta in volta vengono raggiunti, affinché tutti siano al corrente del processo di miglioramento che è in atto nella scuola.
  • Definire strategie operative mirate alla prima fase di AV (elaborazione di un Piano di Miglioramento, circostanziato, che veda la partecipazione e l’intervento di tutti i membri del gruppo operativo entro luglio 2015)
  • Documentare  step by step le fasi di realizzazione del processo, mediante specifica modulistica.
  • Partecipare ad eventi legati all’implementazione dei sistemi di gestione della qualità nelle PPAA.
  • Incontri periodici calendarizzati per la socializzazione della normativa prodotta dal MIUR, la pianificazione strategica dei percorsi di miglioramento da attuare, l’elaborazione del materiale, la compilazione della modulistica interna alla Piattaforma Operativa Unitaria, la condivisione ed il confronto del proprio lavoro con quello degli altri membri del team, la stesura definitiva e completa del Piano di Miglioramento, fino alla sua realizzazione.
  • Realizzazione concreta di Azioni di Miglioramento all’interno dell’intera organizzazione scolastica; queste le PRIORITA’ di interevento, individuate con il Rapporto di Autovalutazione.

 

INTEGRAZIONE/INCLUSIONE/INTERCULTURA

CURRICOLO ORIZZONTALE/ VERTICALE

PROGETTAZIONE

CONTINUITA’ E ORIENTAMENTO

PROVE STANDARDIZZATE D’ISTITUTO E VALUTAZIONE

VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE ED INTEGRAZIONE CON IL TERRITORIO

 

DESTINATARI:

La scuola stessa, l’istituzione, che offre un servizio dai molteplici aspetti:

  • è ambiente di crescita formativa ed educativa per i ragazzi
  • è ambiente di realizzazione e di accrescimento culturale per i docenti e per il personale non docente
  • è terreno di scambio, d’incontro, collaborazione, confronto per i genitori e per tutte quelle agenzie esterne che, nel ruolo di partnership,  sono chiamate a operare nella o per la scuola

Tutto, secondo un’ ottica tesa al miglioramento continuo.

 

Potete scaricare il RAV (Rapporto di Autovalutazione) pubblicato nel mese di settembre 2015:

RAV-RoncalliGalilei