Criteri di formazione delle classi Prime

1. Principi generali pedagogici

Il Collegio Docenti Unitario, in ottemperanza agli indirizzi forniti dal Consiglio d’istituto per la composizione delle classi, indica i seguenti principi come ispiratori rispetto alla valenza pedagogica:

a) equilibrio complessivo tra le classi, fornito dall’uguale considerazione dei fattori costituenti;

b) eterogeneità rispetto al profilo d’uscita dei singoli allievi fornito dall’ordine precedente;

c) eterogeneità rispetto al curricolo scelto dalle famiglie;

d) massimo equilibrio possibile tra componente maschile e femminile;

e) funzionalità del P.E.I. degli alunni disabili;

f) correlazione al protocollo di accoglienza per l’integrazione interculturale;

g) valutazione delle eventuali segnalazioni acclamate di incompatibilità e/o disagio socio-relazionale.

Pertanto i criteri generali di composizione delle classi terranno conto dei seguenti fattori:

equilibrio

del numero di alunni tra le classi, rapportato alla presenza di disabilità e casi particolari;

tra le classi rispetto al numero dei maschi e delle femmine;

tra le classi rispetto al numero e alla gravità di alunni in situazione di disagio e/o con diversa abilità;

tra le classi e riferito alla situazione di ogni singola classe nella distribuzione/inserimento di alunni stranieri non alfabetizzati e in via di alfabetizzazione;

tra le classi rispetto all’eterogeneità dei gruppi di provenienza;

equieterogeneità

di ciascun gruppo classe rispetto alle competenze degli alunni;

di ciascun gruppo classe rispetto al curricolo prescelto delle famiglie;

attribuzione

dei fratelli a classi diverse;

attenzione

a situazioni di alunni con bisogni specifici e prioritari per garantirne il benessere;

ad abbinamenti/separazioni di alunni, consigliati e motivati dai docenti del precedente ordine di scuola;

ad eventuali segnalazioni da parte dei genitori riguardanti questioni riservate;

ad eventuali incompatibilità tra insegnanti e genitori, dovute a pregresse relazioni problematiche;

accoglienza

dei desiderata dei genitori se non compromettono la validità dei fattori precedenti

2. Modalità e procedure di formazione delle classi

Le classi prime di scuola secondaria saranno formate a cura della commissione nominata dal Dirigente, secondo i criteri sopra elencati e la procedura che segue:

a) raccolta delle informazioni sugli allievi attraverso gli incontri di raccordo, le schede di passaggio, i documenti di valutazione ed eventuali incontri con genitori che lo richiedono;

b) individuazione di gruppi di allievi per fasce di livello omogeneo rispetto alle competenze descritte;

c) formazione di gruppi classe equieterogenei secondo i criteri generali indicati;

d) Inserimento nei gruppi classe di allievi con difficoltà specifiche e stranieri non o poco alfabetizzati;

e) accoglienza dei desiderata dei genitori

f) proposta al Dirigente Scolastico della configurazione delle classi definita secondo i criteri generali;

g) attribuzione della sezione alla classe da parte del Dirigente Scolastico e pubblicazione delle classi.